Terapia del bambino e dell'adolescente

La psicopatologia del bambino e dell’adolescente si esprime con un’ampia sintomatologia, che va contestualizzata e reinserita all’interno di un sistema familiare: tutta la famiglia deve essere accolta e compresa nella sua sofferenza e aiutata a decifrare il malessere che il bambino/adolescente manifesta mediante disturbi emotivi, comportamentali, somatici e relazionali.
L’intervento psicoterapeutico ha quindi lo scopo di prendersi cura del mondo affettivo e relazionale dei pazienti, basandosi sul contributo di tutti i membri della famiglia, al fine di fronteggiare il malessere di ogni bambino, pre-adolescente o giovane adulto, il quale si può esprimere informe e modalità diversificate, come ad esempio difficoltà scolastiche e di attenzione, disturbi del sonno, del controllo sfinterico o disturbi dell’alimentazione, fobie, tic nervosi, problemi di linguaggio e difficoltà di socializzazione, iperattività, etc.
Il percorso terapeutico si svolge a partire da alcuni colloqui preliminari con i genitori per la raccolta dei dati rilevanti relativi alla storia personale e familiare del fanciullo o dell’adolescente, dopodiché può avere inizio una consultazione psicoterapeutica con la famiglia, condotta in équipe, con impostazioni differenti in base all’età del soggetto e gli obiettivi che si intendono raggiungere. Qualora fosse ritenuto necessario, viene valutata la possibilità di una valutazione medico-specialistica.